Home News dai nostri rappresentanti al Comitato di Indirizzo Onaosi
News dai nostri rappresentanti al Comitato di Indirizzo Onaosi PDF Stampa E-mail
Scritto da Livia   
Giovedì 21 Marzo 2013 18:17

Questa nuova rubrica, che troverete in ogni numero del Cadonline, è finalizzata ad aggiornarvi su tutte le novità (belle e brutte!) che accadono al nostro Ente più che meritevole. Sapete che quattro rappresentanti della Caduceo siedono nel Comitato di Indirizzo grazie all’aiuto che ognuno di voi ha dato per la loro elezione alle scorse elezioni. Il nostro compito (non facile poiché rappresentiamo la minoranza) è volto alla tutela dell’ONAOSI da ogni tentativo, manifesto o sottinteso, di modificare l’assetto dell’Ente svilendone il compito assistenziale ed educativo verso i beneficiari dell’ente stesso: gli orfani dei Sanitari.
Vi rammento brevemente che per decisione della attuale maggioranza costituita dagli eletti dei principali sindacati italiani (contro la quale nulla hanno potuto i nostri voti contrari), i due Collegi di Perugia sono stati trasformati in collegi misti e solo in quello che era il Maschile (oggi divenuto misto con coabitazione di maggiorenni e minorenni di entrambi i sessi) persiste il servizio mensa, abolito invece in quello che era il femminile , trasformato in Centro Formativo misto con cucine messe a disposizione degli ospiti. Questa trasformazione è stata motivata da una presunta riduzione delle spese che non si è concretizzata (come noi abbiamo sempre sostenuto e dimostrato ancor prima che si attuasse: ma nessuno ha voluto avere orecchie per ascoltare) e a ridursi sono stati, in realtà, solo i servizi offerti agli ospiti.
Il progetto della attuale maggioranza ha previsto anche la vendita degli immobili ritenuti “non utili a fini istituzionali” e primo fra tutti il Campus di Montebello. Quel piccolo e meraviglioso insieme di villette che da diversi anni funzionava come Campus Universitario molto apprezzato da tanti Universitari che sono stati costretti a trasferirsi in via della Cupa o in via Antinori (ex femminile e ex maschile). Noi abbiamo contrastato moltissimo sia la chiusura che la decisione di mettere in vendita gli immobili dell’Ente in un momento in cui il mercato immobiliare è al minimo storico non essendoci, per di più, la necessità di avere liquidità. L’unica nostra vittoria è stata l’aver posto un limite minino di vendita al di sotto del quale non è possibile cedere gli immobili.
E, ad oggi, offerte che rispettino tali limiti non ci sono state. Il complesso di Montebello è ancora lì, chiuso, con tutte le spese di manutenzione e senza che i ragazzi ne possano usufruire!!
Ci auguriamo, nel futuro prossimo, che una politica economica non ulteriormente dannosa, prenda decisioni diverse che mirino almeno ad azzerare le attuali spese (IMU, manutenzione). Ad esempio si potrebbe dare in affitto o in gestione a società che operano nel turismo, rendendo un bene immobiliare, oggi chiuso e solo fonte di spese, un guadagno per l’Ente.
Tra i progetti della attuale maggioranza c’è prepotentemente l’idea di aprire un Centro Studi Universitario a Napoli. Al sud l’unico Centro ONAOSI si trova a Messina e condividiamo l’idea di
aprirne un altro. Ma non nei termini in cui è stato proposto dall’attuale Consiglio di Amministrazione!
La prima proposta di circa un anno fa è stata di acquistare uno stabile da ristrutturare totalmente per la” modica totale cifra” di CIRCA 13 MILIONI DI EURO!! Ma come: si mettono in vendita gli immobili di Perugia sostenendo che l’ONAOSI ha bisogno di liquidità e poi ci si imbarca in una spesa così elevata !! L’assurdità della proposta oltre che essere stata combattuta da noi 4 deve essere sembrata davvero insostenibile anche da chi l’aveva lanciata sperando, forse, passasse inosservata! Accantonata velocemente l’idea di comprare si è passati all’affitto. Di un centinaio di posti in un collegio di nuova costruzione, situato in una zona di Napoli molto periferica, tra il porto e la stazione, dove sorgeva il Tabacchificio. In una zona molto vicina al Centro Direzionale, circondato da vecchie fabbriche dismesse, attualmente mal servita da autobus e metropolitana. In una zona che, dopo la chiusura dei vicini uffici, si svuota di sicurezza e si popola di situazioni pericolose e degradate. Certo il Collegio è ben costruito, idoneo ad ospitare Universitari ma è una cattedrale nel deserto. In questa zona è prevista la realizzazione di un polo Universitario attrezzato…ma tra non meno di 10 anni!!
Come si può pensare di aprire un Centro ONAOSI così lontano dallo standard di ottimo livello che offrono gli altri Centri Universitari a Perugia, Torino, Bologna, Padova, Pavia, Messina?
E perché poi firmare un contratto che obbliga l’ONAOSI ad accollarsi la spesa di 100 posti/anno per diversi anni? Il buon senso dice che sarebbe opportuno partire il primo anno con la metà dei posti (siamo sicuri che le richieste siano tante??) e poi aumentarli, se necessario, negli anni successivi. E se, invece, anche la metà di 100 dovesse essere un numero eccessivo …anche in questo caso non è prudente impegnarsi per una spesa notevole e per diversi anni.
I dubbi più che ragionevoli che abbiamo sollevato (a gran voce) hanno prodotto il risultato di rinviare la decisione e votazione finale (nella quale come sempre saremo la sola voce di protesta se si dovesse attuare a queste condizioni!) successivamente alla proposta che l’ONAOSI farà di modificare “i paletti” fissati dalla proprietà dello stabile.
Ma questo non cambierà comunque la qualità del luogo in cui il Collegio è ubicato: un contorno degradato e pericoloso!
Ci auguriamo che il buon senso prevalga su ogni altra motivazione.
Che l’ONAOSI continui ad offrire ai propri assistiti qualità, la stessa che indiscutibilmente, da oltre cento anni, lo rendono un raro esempio di assistenza.
Noi quattro continueremo, come facciamo da due anni, a gridare il nostro disappunto per decisioni che riteniamo dannose e non motivate. Non abbiamo la forza numerica per imporci…ma la possibilità di rendere noto quello che succede è un diritto che nessuno potrà portarci via.
Nel prossimo numero vi informerò di quanto accadrà e di tutte le ulteriori decisioni.
Un abbraccio affettuoso a voi tutti.
Marina Onorato

 

Ultimo aggiornamento Domenica 21 Aprile 2013 10:19
 
Copyright © 2019 Associazione Caduceo. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

Eventi lieti e tristi

Onlus Amici della Caduceo